Tutti gli itinerari e le visite guidate a Genova per Agosto 2019

Date disponibili
 


 Il Ritratto di Scipione Clusone del Tintoretto
Capolavori svelati a Palazzo Spinola

Giorno
Martedì 6 agosto

Ore
17:00

Dove
Museo di Palazzo Spinola, piazza Pellicceria 1

Ritorniamo a Palazzo Spinola per una visita dedicata al Tintoretto, del quale nel museo si conserva l’importante ritratto di Scipione Clusone. L’incontro è l’occasione per approfondire l’abilità di Tintoretto come ritrattista: il suo modo di intendere il genere offre una versione alternativa alle scelte auliche o psicologiche affermate nella ritrattistica veneta, in una direzione che si può definire squisitamente fotografica. Con la stessa celerità della tecnica moderna, infatti, l’artista mette in posa il personaggio e, con pochi colpi di pennello, ne cattura tanto i principali tratti estetici, come lo sguardo intenso o l’increspatura delle labbra, quanto l’essenza più intima e profonda. Nella tela Scipione è posto di tre quarti, immortalato in un momento che sa di quotidianità, ma al contempo avvolto in sontuosi abiti, indagati con pochi e straordinariamente puntuali tratti, che ne enfatizzano l’effetto materico. Attenzione va poi allo sguardo e alle mani, cui il pittore affida la carica emotiva della rappresentazione.

 

 

 

 

 

 

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione 8 € (biglietto d’ingresso e approfondimento culturale)

 


 Una sera d’estate a San Lorenzo
Dall’alto della Cattedrale

Giorno
Sabato 10 agosto

Ore
21:00

Dove
Cattedrale di San Lorenzo, piazza San Lorenzo

Una piacevole serata d’estate per una visita insolita alla Cattedrale di San Lorenzo. Il percorso, che tocca ambienti solitamente non aperti al pubblico, inizia dalla Tribuna del doge, l’ampia balconata sostenuta dall’endonartece duecentesco. La struttura-atrio, appoggiata alla controfacciata della chiesa, aperta sulla navata centrale, permetteva al doge di assistere alle celebrazioni. Il percorso ascende tramite una comoda scala a chiocciola fino alla cosiddetta Sala dei seminaristi, dal cui soffitto pendevano le corde che azionavano il rintocco delle campane. Ancora un breve tratto di scale ci conduce, infine, al culmine della facciata: raggiungiamo così la quattrocentesca loggia della torre di sinistra, poco distanti dalla grande cupola alessiana, recentemente restituita allo sguardo dopo il lungo restauro. Il percorso si conclude qui, con una visuale inedita sulla città e sulla cattedrale; sopra di noi il cielo è segnato dalle stelle, nella notte di San Lorenzo.

 

 

 

 

 

 

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione 15 € (biglietto d’ingresso e approfondimento culturale)

 


 La chiesa dei Santi Carlo e Vittore.
Il teatro del Sacro e il fascino della scultura dell’Algardi

Giorno
Giovedì 22 agosto

Ore
17:00

Dove
Chiesa Ss. Vittore e Carlo, via Balbi 7

La chiesa, la cui facciata è stata valorizzata da un recente restauro, spicca con il suo prospetto nel tratto centrale di via Balbi, fronteggiando il magnifico Palazzo Reale, le cui vicende si intrecciano più volte nel corso della storia. Intitolato ai Santi Carlo e Vittore, l’edificio venne progettato da Bartolomeo Bianco nel 1629 e custodisce importanti tele di Domenico Piola, Orazio e Lorenzo De Ferrari, Andrea Carlone, e Domenico Parodi. La chiesa, grazie ai recenti restauri, ha recuperato appieno lo splendore dei paramenti marmorei che ricoprono l’interno, apporto ottocentesco eseguito contemporaneamente alla decorazione della cupola. All’interno dedichiamo particolare attenzione alla Cappella Franzoni, con il magnifico Crocifisso bronzeo, opera di Alessandro Algardi, protagonista del barocco bolognese. Nella cappella, realizzata con magnifici marmi neri, scultura e architettura si fondono, concorrendo a creare un’opera d’arte totale, fortemente teatrale ed emozionante.

 

 

 

 

 

 

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione 5 € (offerta per l’oratorio e approfondimento culturale)

 


 Una serata d’estate a Castello d’Albertis
La mostra, l’aperitivo, i passaggi segreti

Giorno
Giovedì 29 agosto

Ore
18:00

Dove
Castello d’Albertis, corso Dogali 18

Ritorniamo a Castello d’Albertis, il cui profilo segna la sommità del Montegalletto, per un piacevole appuntamento estivo. Nato come dimora neogotica del capitano Enrico Alberto d’Albertis, instancabile viaggiatore e conoscitore di mondi lontani, il castello, oltre ad essere oggi sede del Museo delle Culture del Mondo, nasconde una rete di passaggi sotterranei e percorsi segreti tra le torri. Un percorso interessante ed insolito che svela tutti i segreti e le curiosità della struttura: molti dei passaggi, costruiti nell’Ottocento per volontà dello stesso capitano, sono solo un gioco, una delle tante accortezze del d’Albertis per richiamare l’atmosfera misteriosa dei castelli medievali, in linea con il gusto neogotico diffuso nel tardo Ottocento genovese, che connota l’intero complesso. Un ricco aperitivo con piccole degustazioni conclude la visita, godendo dello splendido panorama di Genova dall’alto, quando la città è morbidamente avvolta dalle luci del tramonto.

 

 

 

 

 

 

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione 15 € (biglietto d’ingresso e approfondimento culturale))

 

Additional information

DestinazioneGenova
MeseAgosto
Durata1 Giorno