Tutti gli itinerari e le visite guidate a Genova per Giugno 2019

Date disponibili
 

 

 Nuova luce sui Musei di Strada Nuova.
Presentazione dei risultati del progetto “Luoghi d’Arte al Museo”

Giorno
Martedì 4 giugno

Ore
16:00

Dove
Palazzo Bianco, via Garibaldi 11

Ultimo appuntamento dell’iniziativa “Luoghi d’Arte al Museo” in cui viene presentato ai Soci la conclusione del progetto di cui la nostra Associazione si è resa promotrice. Con l’iniziativa abbiamo portato “nuova luce” a Palazzo Bianco, finanziando il ri-allestimento dell’impianto illuminotecnico della “Galleria secondaria”, in cui sono presentati dipinti di scuola genovese, italiana e fiamminga che, per esigenze espositive, non hanno trovato posto nelle sale del museo vero e proprio. Grazie al nostro progetto, il deposito diventa pienamente fruibile e possiamo finalmente ammirare le opere dei grandi maestri genovesi, da Luca Cambiaso a Bernardo Strozzi, da Valerio Castello a Gregorio de Ferrari. Altro importante nucleo di opere che si mostra finalmente al pubblico, grazie al nostro intervento, è quello di tele e tavole di scuola fiamminga e olandese. Nuova luce anche al Gabinetto Disegni e Stampe di Palazzo Rosso, con il ri-allestimento delle lampade storiche di Franco Albini.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione 10 € (interamente destinata a “Luoghi d’Arte al Museo”)

 

 La Santa Casa a Oregina
ll Santuario di Oregina, affascinante tempio loretano del Seicento

Giorno
Mercoledì 5 giugno

Ore
16:00

Dove
Santuario N. Signora di Loreto, salita Oregina 48

Nel cuore del moderno quartiere di Oregina, introdotto da un piazzale con alberi secolari, visitiamo il Santuario di Nostra Signora di Loreto, che ci riporta indietro nel tempo e da dove si ammira uno splendido panorama sulla città. Fondato nel 1634 da un gruppo di monaci, il santuario è inizialmente una cappella simile, seppur in forma semplificata, alla Santa Casa di Loreto. In seguito ad una riedificazione avvenuta alla metà dello stesso secolo, la struttura assume la forma attuale, andando ad inglobare al suo interno la primitiva cappella, che venne poi demolita ad inizio Novecento. Varcata la soglia, si apre lo spazio sacro, a pianta ottagonale allungata, sovrastato da una cupola centrale. All’interno della chiesa ammiriamo, le sculture di Santi francescani entro nicchie e, sui due altari laterali, le tele più importanti: il quadro settecentesco raffigurante “L’angelo custode” del Mulinaretto e la secentesca tela di Giovanni Andrea Carlone, raffigurante “San Giuseppe con Gesù fanciullo”.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione 5 € (offerta per la chiesa e approfondimento culturale)

 

 Le creuze di Santa Brigida
Genova nascosta da scoprire, dai bastioni al mare

Giorno
Mercoledì 12 giugno

Ore
16:00

Dove
Stazione P. Principe, piazza Acquaverde

L’attuale aspetto dell’area dove sorgeva l’antico monastero di Santa Brigida è il risultato degli interventi edilizi e urbanistici ottocenteschi che intrappolarono, a volte nascondendole, le antiche creuze che segnano il tessuto urbano. Con un percorso urbano che parte dalla stazione ferroviaria di Principe andiamo alla ricerca delle tracce della città antica. Superato un arco, seguito da una scalinata, arriviamo in una piccola piazzetta dove il tempo sembra essersi fermato, con case medievali che fanno da cornice ad uno scenario urbano incantevole. Sono questi i luoghi dove giunsero, provenienti dalle alture di Sarzano, le monache agostiniane intenzionate a costruire una chiesa da dedicare a Santa Brigida, di cui seguivano la regola. Alla fine del Settecento, a seguito della soppressione degli ordini religiosi, il convento e la chiesa vennero riadattati ad uso abitativo e oggi dell’antica abbazia rimangono oggi solo alcuni lacerti: memorie e tracce di una Genova del passato, da scoprire e valorizzare.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione 5€ (approfondimento culturale e dispensa cartacea)

 

 Visita a Villa Carrara, da dimora storica a luogo storico
Il quartier generale di Garibaldi

Giorno
Martedì 18 giugno

Ore
16:00

Dove
Villa Carrara, via Sartorio 1 Genova Quarto

Un appuntamento dedicato alla scoperta di un sito dalla doppia identità. Villa Carrara è una dimora storica fatta erigere dalla famiglia Spinola, tra le più note e potenti della nostra città, che oggi ospita nei suoi eleganti ambienti l’interessante Museo Garibaldino. La dimora è stata scelta come sede di questo museo in quanto fu il quartier generale di Garibaldi alla partenza della spedizione dei Mille, qui organizzata e pianificata nelle strategie e nelle modalità operative. Il percorso espositivo, che occupa le sale dell’antica villa, è suggestivamente organizzato sotto i soffitti riccamente affrescati, risalenti all’epoca Spinola. Qui, sono conservati cimeli, armi, divise e oggetti personali dell’eroe dei due Mondi e dei suoi compagni, oltre ad un interessante epistolario, manoscritti del periodo e documenti risorgimentali. Un’occasione unica per scoprire una villa storica, il suo grande parco storico e le tracce della storia italiana, che passò da quel celebre scoglio di Quarto

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione 5€ (apertura esclusiva e approfondimento culturale)

 

 Visita all’Archivio Storico della Pubblicità
L’arte del comunicare

Giorno
Mercoledì 26 giugno

Ore
16:00

Dove
Palazzo del Principe, piazza Principe 4

Visitiamo l’Archivio Storico della Pubblicità, istituito nel 1993 in seguito all’acquisizione di un importante fondo storico, quello della SAIGA Barabino & Graeve. La SAIGA, antica stamperia litografica fondata a Genova nel 1909, è stata per oltre mezzo secolo uno dei maggiori centri di sviluppo della litografia nel panorama nazionale. Successivamente altre acquisizioni, donazioni e depositi di importanti fondi originali, tra cui quello dei Fratelli Pagano, della Ditta Marioni e di Emanuele Luzzati, hanno contribuito a costituire l’attuale raccolta, che conta oltre ventimila pezzi. Un ricco patrimonio di documentazione sulla storia della pubblicità e della grafica di comunicazione in Italia, sulle diverse tecniche di stampa e sui grandi protagonisti del cartellonismo. Quello genovese è l’unico archivio sulla storia della pubblicità in Italia che può vantare un numero rilevante di bozzetti esecutivi e che può presentare una così ampia varietà tipologica di materiali conservati.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione 5€ (apertura esclusiva e approfondimento culturale)

Additional information

DestinazioneGenova
MeseMaggio
Durata1 Giorno