Tutte le conferenze a Genova per Marzo 2020

Date disponibili
 


  Michelangelo, protagonista del Rinascimento  
LA VITA E LE OPERE, UN DIALOGO CONTINUO TRA LE ARTI

Giorno
Lunedì 2 e Martedì 3 marzo

Ore
16:00

Dove
Lomellini 8 – Spazio LDA, Palazzo Durazzo Pallavicini, Via Lomellini 8

Un doppio appuntamento per scoprire il genio di Michelangelo Buonarroti, capace di rivoluzionare l’arte del proprio tempo, dalla pittura alla scultura e all’architettura, con un’interpretazione personale, libera da ogni canone e regola. Un talento che lo portò a creare opere che divennero modelli, dagli affreschi della Sistina alle Pietà, fino alle creazioni architettoniche della piena maturità. In occasione dell’importante mostra a Palazzo Ducale, due incontri ripercorrono la lunga vita dell’artista, ritrovando sia capolavori, sia opere meno note. Ne emerge una personalità titanica, in grado di sciogliere i contrasti di un’epoca complessa in un’armonia divina di forme.

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione per entrambi gli incontri 15 € 

 


  Muse, amiche, mogli, mecenati, amanti e artiste  
DA GALA ALLA ABRAMOVIC, LE DONNE DELL’ARTE DEL NOVECENTO

Giorno
Mercoledì 11 marzo

Ore
16:00

Dove
Lomellini 8 – Spazio LDA, Via Lomellini 8

Ripercorriamo insieme alcune delle più famose relazioni intercorse tra gli artisti del Novecento e le loro muse, spesso sensuali modelle. Amate in modo fugace, trasformate in eterne spose, le donne incarnano l’idea del sentimento che viene dipinto o scolpito. Matrimoni trentennali, unioni dolci e monogame, ma anche rapporti brevi, fedifraghi e tragici: un universo vario di sentimenti e storie attraverso l’arte del Novecento. Da Modigliani a Chagall, passando per Picasso, Magritte e Dalì, scopriamo la dolcezza ma anche la forza di Jeanne, Edie, Dora e Gala, che lasciarono, in qualche modo, un proprio segno sulle opere dei loro uomini, diventando, spesso, le uniche protagoniste.

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione 10 € 

 


  Genova, città murata  
DIFENDERE UNA CITTÀ, DAL MEDIOEVO AL RISORGIMENTO

Giorno
Giovedì 12 marzo

Ore
16:00

Dove
Lomellini 8 – Spazio LDA, Via Lomellini 8

“Vedrai una città regale, addossata ad una collina alpestre, superba per uomini e per mura, il cui solo aspetto la indica signora del mare”, così Petrarca descriveva Genova allo scadere del Trecento: una città maestosa, inespugnabile, incorniciata da un abbraccio di pietra, le mura. Attraverso questo incontro ripercorriamo i momenti più significativi legati alla costruzione delle mura cittadine, dai resti archeologici di Castello alle possenti mura del Barbarossa, dalla proclamazione della Vergine come Regina di Genova, che nel Seicento andava a proteggere gli ingressi del nuovo circuito murario, sino all’erezione dei grandiosi Forti, che ancora oggi segnano il profilo più estremo della città.

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione  10 € 

 


  Tasselli di colore, architetture di luce 
LA STORIA DELLE VETRATE, DALLE CATTEDRALI GOTICHE A MATISSE

Giorno
Martedì 17 marzo

Ore
16:00

Dove
Lomellini 8 – Spazio LDA, Via Lomellini 8

Diafani diaframmi di luce, fragili intelaiature, vitrei racconti. Le vetrate sanno incantare gli uomini d’oggi come le genti del Medioevo, quando, grazie al gotico e ai nuovi sistemi di costruzione, le pareti delle cattedrali si alleggerivano e le navate, i rosoni e le absidi si ricoprivano di policrome superfici, raccontando storie bibliche o imprese di re ed eroi, trovando ampia diffusione e rivelando grande capacità espressiva. Ripercorriamo i processi operativi di questa raffinata arte, dalle vetrate del coro di Saint-Denis alla Sainte-Chapelle parigina, fino alle vetrate contemporanee di Chagall e Matisse, segno della continuità di un’arte fragile, ma al tempo stesso eterna.

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione 10 € 

 


  Sorelle, zitelle  
LE MATERASSI DI PALAZZESCHI E ALTRE “PARENTI”

Giorno
Lunedì 23 e Mercoledì 25 marzo

Ore
16:00

Dove
Lomellini 8 – Spazio LDA, Via Lomellini 8

Entriamo, con estremo rispetto, nell’intimità delle sorelle non sposate, o zittelle (con due ‘t’, come le chiama Tommaso Landolfi), o vergini per sempre (come ha detto malignamente qualcun altro) più famose del romanzo italiano di primo Novecento: da “Canne al vento” di Grazia Deledda alle “Sorelle Materassi” di Aldo Palazzeschi (la fonte illustre è “Le vergini delle rocce” di d’Annunzio). Un percorso tematico ben preciso che, con letture, commenti e riflessioni non moraliste, gira intorno alla presenza di sorelle non sposate, alle prese con una ingestibile figura ‘maschile’ che arriva a destabilizzare il loro a volte impolverato equilibrio esistenziale.

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Quota di partecipazione per entrambi gli incontri 15 € 

 

Additional information

DestinazioneGenova
MeseMarzo
Durata1 Giorno